CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
lunedì, 23 luglio 2018

Un bonus figli da 150 euro l’uno, fino a 25 anni di età. E’ quanto prevede il disegno di legge recante «Delega al Governo per riordinare e potenziare le misure a sostegno dei figli a carico» all’esame della commissione finanze del Senato che, secondo i rumors, dovrebbe essere approvato in tempi brevi.

Ecco le novità

Il ddl, che ha il fine dichiarato di aiutare i nuclei familiari con un contributo fisso e cercare così di rilanciare la natalità, è stato presentato nel 2014, ma solo quest’anno è stato assegnato  alle commissioni del Senato per l’esame. La scorsa estate è stato discusso in Parlamento, quindi qualcosa si è mosso e se le commissioni lo licenzieranno positivamente arriverà in aula e potrebbe diventare presto legge.

 Secondo i dati, un quinto delle famiglie italiane con tre figli a carico non riesce a soddisfare i bisogni fondamentali, da qui l’idea dei firmatari del ddl di sostituire tutte le misure attuali con un unico bonus disponibile per tutti i nuclei che hanno figli a carico. Verranno però mantenute le detrazioni per il coniuge a carico, per gli altri familiari e per i minori disabili.

Tra le varie misure previste dal ddl c’è il c.d. “bonus figli” che prevede un assegno di 150 euro per ogni figlio a carico fino a 18 anni e di 100 euro per figli dai 18 ai 25 anni che non abbiano ancora un reddito. Ad averne diritto integralmente saranno tutte le famiglie con reddito Isee fino a 50mila euro, mentre è previsto un sostegno progressivamente ridotto per la fascia dai 50 ai 70mila euro.

Le soglie aumentano inoltre al crescere del numero dei figli (5mila euro per ogni figlio ulteriore) e l’assegno verrebbe versato, con importi inferiori (circa 100 euro), fino al compimento del 26simo anno di età. L’intervento avrebbe la ratio di abbassare il costo di un bambino per tutta la durata dell’infanzia e dell’adolescenza, e non soltanto per i primi tre anni di vita, incoraggiando così le coppie ad avere un figlio in più. Dal punto di vista dei fondi per garantire il bonus, secondo le simulazioni presentate, le misure comportano una spesa di oltre 23 miliardi di euro.

Fonte: il 24.it