CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
lunedì, 23 luglio 2018

CONCORSO INPS: 967 POSTI. ECCO DOVE E QUANDO FARE DOMANDA

Aperto il concorso Inps 2018 che porterà a 967 funzionari con consulenti di protezione sociale. Sono molte le novità, ma andiamo a vedere da vicino quali sono i requisiti minimi per accedere al concorso. Servirà intanto una laurea magistrare o specialistica in una delle seguenti materie: finanza, ingegneria, scienze dell’economia o della politica, pubbliche amministrazioni, ambiente e cultura, economia aziendale, scienzae statistiche, cooperazione allo sviluppo, metodi di analisi valutativa dei sistemi complessi e alcune altre affini. Inoltre servirà la cittadinanza italiana o in uno degli Stati membri dell’Unione Europea. Non si deve essere destituiti, dispensati o licenziati presso pubblica amministrazione, inoltre non si deve aver riportato condanne penali. Serve l’idoneità fisica all’impiego, godimento di diritti politici e civili, posizione regolare per gli obblighi militari.

IL BANDO DI CONCORSO

In attesa che appaia online la data delle prove selettive, è utile provare a conoscere meglio questo importante concorso pubblico atteso da mesi dopo promesse, rinvii e contrordini: il bando ricerca posti di consulente per la protezione sociale dei ruoli nel personale INPS, con posizione economica C1. Secondo il sito della Funzione Pubblica della CGIL, il concorso in dote per i prossimi mesi ricerca una «figura strutturalmente inserita nei processi produttivi che svolga anche funziona di produzione e consulenza». Nello specifico, la figura richiesta all’interno dei 967 posti liberi messi in palio, dovrà inserirsi nei processi produttivi con l’obiettivo di garantire dentro l’Istituto di Previdenza Sociale un alto livello di competenze nell’assistenza previdenziale e anche sociale. Ricordiamo, come riporta il bando originario, che alle prove scritte verrà ammesso un numero di candidati non superiore a 10 volte i posti ammessi al concorso (oltre ai candidati che si sono classificati ex aequo all’ultimo posto valido, come spiega La Tecnica della Scuola).