Cronaca

il  11 gennaio 14:11

Coniugi uccisi a Ferrara, il figlio confessa il duplice omicidio: alla base i cattivi voti a scuola

Sono crollati dopo un interrogatorio durato tutta la notte i due adolescenti che hanno compiuto l’omicidio di Salvatore Vincelli e Nunzia Di Gianni, ristoratori di Pontelangorino, in provincia di Ferrara. Il figlio 16enne della coppia e un amico 17enne hanno confessato il brutale omicidio davanti al pm di Ferrara Giuseppe Tittaferrante e al procuratore del tribunale dei minori Silvia Marzocchi. Ai due viene contestata anche l’aggravante della premeditazione.

Come scrive l’Adnkronos, alla base del duplice omicidio potrebbero esserci i contrasti per i brutti voti a scuola: non sarebbe infatti economico il movente alla base del delitto, ma al rendimento scolastico insoddisfacente dell’adolescente. L’amico, invece, avrebbe partecipato all’omicidio per aiutarlo.

I due ragazzi hanno confessato anche l’ubicazione arma del delitto e dei loro abiti sporchi di sangue: si trovavano in canale a Caprile, dove vive il complice 17enne dell’adolescente. I sacchetti in plastica sul capo delle vittime sarebbero stati utilizzati molto probabilmente per inscenare una rapina.

[post-correlato]