CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
domenica, 23 settembre 2018

Non c’è nulla di più noioso e faticoso che lavare i piatti a mano al termine di un pasto e le casalinghe lo sanno bene. Un recente articolo apparso su “Consumer Reports”, però, ha spiegato che i piatti non dovrebbero essere mai lavati a mano e il motivo è molto semplice. Innanzitutto, nella tipica routine di lavaggio si usa acqua fredda o tiepida, che non riesce ad eliminare davvero i batteri presenti nei residui di cibo. Le mani, infatti, sono in grado di sopportare al massimo 60-63 gradi, cioè delle temperature davvero troppo basse per uccidere i germi. Come se non bastasse, la spugna utilizzata per lavare i piatti è uno degli oggetti più sporchi dell’intera casa e non fa altro che “contaminare” le stoviglie appena utilizzare, ricoprendole di altri batteri.

La soluzione

L’ideale è utilizzare la lavastoviglie, dotate di getti d’acqua high-tech e di speciali rastrelliere progettate appositamente per eliminare i germi. In più, bisognerebbe fare dei lavaggi “intelligenti”, evitando di prelavare i piatti e accumulando almeno otto coperti. In questo modo, si sfrutterà un intero carico e si avrà la certezza di mangiare in stoviglie pulite e disinfettate.

fonte: Fanpage