CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
sabato, 20 ottobre 2018

È STATO BOCCIATO IL FIGLIO DELLA DONNA CHE HA SPACCATO LA FACCIA ALLA PROF. E c’è da esclamare come minimo o forse una bella ripassata andrebbe fatta prima alla mamma, ai genitori comunque fatto sta che il figlio della donna che venerdì scorso ha preso a ceffoni e fatto cadere a terra la prof. Francesca Redaelli, docente di inglese della  media “Tommaso Albinoni”.  L’insegnante era finita in pronto soccorso con il setto nasale rotto. A scatenare l’aggressione, secondo la mamma, fu il rifiuto della docente di interrogare il ragazzino il penultimo giorno di scuola, per consentirgli di recuperare la sufficienza. «Immaginavo che lo avrebbero bocciato anche se contavo sulla comprensione degli altri professori, evidentemente gli hanno abbassato qualche voto», dice ora la donna,  «Io so di aver  esagerato, non dovevo fare quel gesto, ma la prof aveva l’obbligo di tornare a interrogare mio figlio. Il ragazzo gode dei benefici della legge 122 per chi partecipa alle gare sportive, lui è fra i primi 3 atleti in Europa nella sua disciplina, e quella norma prevede addirittura un programma personalizzato per questi studenti. Non ho mai protestato ma chiedo perché la prof non ha voluto più interrogarlo».