CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
sabato, 23 giugno 2018

Traspare ottimismo dalle parole di Sebastian Vettel incontrando i media alla vigilia del weekend del Gran Premio di Singapore. “Mi piace questa pista, mi e’ sempre piaciuta e negli ultimi anni ho avuto molto successo. La gara e’ sempre molto lunga, si puo’ essere fortunati o sfortunati con la Safety-car: come piloti, non ci auguriamo un’interruzione della gara, perche’ vorremmo sempre che tutto fosse giusto e corretto. Di sicuro pero’ se questa gioca a tuo favore ne approfitti, se e’ contro di te invece puo’ dare un bel po’ di fastidio. Ma e’ cosi’ che vanno le cose sui circuiti cittadini.
Qui siamo andati bene l’anno scorso: in generale ora abbiamo migliorato la macchina, quindi la pista dovrebbe ancora esserci favorevole. In generale per quanto riguarda gomme e strategia tutto dipende da quello che accade in gara, mentre per le qualifiche il discorso e’ facile: si cerca di andare il piu’ veloce possibile” spiega il quattro volte campione del mondo della Ferrari. “La pista mi piace e sono molto ottimista, dobbiamo fare il nostro dovere al venerdi’ per prepararci e poi da li’ vedere dove siamo. Sulla carta ci sono circuiti piu’ o meno adatti a noi, ma come al solito e’ una combinazione di tante cose, il funzionamento delle gomme, il bilanciamento della vettura, la posizione di partenza, se si azzeccano gli assetti in tempo per le qualifiche… Ma in fondo non faccio molta attenzione alle caratteristiche delle piste, penso solo che si deve sempre cercare di fare del proprio meglio” afferma Sebastian.
“Da quando abbiamo iniziato a lavorare insieme l’anno scorso e’ chiaro dove vogliamo andare: vogliamo riportare la Ferrari in vetta. E’ vero che finora non e’ stata una grande stagione, ma non e’ stata neanche cosi’ terribile. Facciamo autocritica per primi, perche’ non abbiamo ottenuto quello che ci eravamo prefissati. Lo scorso anno stavamo chiudendo il gap ma purtroppo il distacco e’ ancora li’, a volte piu’ grande, a volte piu’ piccolo, ma resta.
Non abbiamo vinto molte gare semplicemente perche’ non siamo stati sufficientemente veloci, ma stiamo lavorando al 100% perche’ questo accada in futuro” conclude Vettel.
“La gara qui a Singapore e’ abbastanza impegnativa, è una pista difficile, molto lunga e il clima e’ caldo e umido. Per essere veloce devi avere una macchina che vada bene, come su qualsiasi pista naturalmente, ma su un circuito cittadino questo conta ancora di più. Non e’ un tracciato facile, ma la gara e’ sempre abbastanza interessante ed e’ possibile effettuare dei sorpassi.

[post-correlato]

E’ difficile sapere cosa ci aspetta, ma il nostro approccio e’ lo stesso di qualsiasi altro weekend di gara; l’anno scorso abbiamo fatto bene, ma questo non significa che automaticamente andra’ allo stesso modo anche quest’anno”. Cosi’ Kimi Raikkonen incontrando i media nl giovedi’ che precede la gara di Singapore.
“Da domani saremo in pista e avremo qualche idea di dove siamo.
Finora penso che abbiamo quasi sempre tirato fuori il meglio dalla vettura: su alcuni circuiti ed in determinate condizioni facciamo piu’ fatica, e questo puo’ fare una grande differenza. Nel complesso penso che abbiamo bisogno di migliorare in tutte le aree per essere piu’ veloci. Il nostro obiettivo e’ quello di essere li’ e vincere, purtroppo quest’anno non e’ andata cosi’.
Sicuramente siamo migliorati rispetto allo scorso anno, ma ovviamente gli altri sono migliorati di piu’. Sono sicuro che stiamo facendo le cose giuste, abbiamo gente molto in gamba, ma ci manca un po’ di velocita’”.