CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
domenica, 19 agosto 2018

Gli pratica sesso orale e finisce all’ospedale: “Ho rischiato di morire”. La storia incredibile

Ognuno di noi ha una storia di sesso imbarazzante da condividere. Qualche sfortunato incidente che ti ha fatto arrossire in quel momento, ma di cui ora ti viene da ridere. E al giorno d’oggi, sembra che molti degli episodi più meritevoli finiscano sui social network. È il caso di Fredy Alanis di Chicago. La sua storia è diventata virale dopo che lui stesso ha postato un selfie direttamente dal letto dell’ospedale spiegando il motivo del suo ricovero. Il 19enne è diventato un “eroe”, almeno per le migliaia di persone che sui Twitter hanno diffuso con entusiasmo il suo racconto. “Scusate l’angolazione sbagliata, ma ricorda quando ho succhiato un ca**o enorme e sono finito al pronto soccorso”, ha cinguettato Alanis sui social network.

L’adolescente ha detto di aver conosciuto un ragazzo su Grindr, gli ha praticato sesso orale e poco dopo ha iniziato a sentire dolore al petto. Il dolore non accennava a passare e i genitori hanno deciso di portarlo all’ospedale. “I miei genitori sanno che sono omosessuale, ma non sanno che sono una put***”, ha continuato su Twitter Fredy, costretto a raccontare ai medici quanto accaduto. “Le probabilità che ciò accada, e il fatto che sia accaduto è assurdo perché il dottore mi ha detto che per far esplodere le vie respiratorie praticando sesso orale è una su cento milioni”. E continua: “Ma non vi preoccupate, se volete farlo, fatelo. Fate quello che volete e non siate intimiditi da nessuna taglia. Con il senno di poi, posso dire che ne è valsa la pena. Ogni volta che vorrò farne un altro, mi basterà semplicemente chiamarlo”. La sua storia è diventata virale e Fredy quasi una celebrità del web, anche se non sono mancati gli insulti omofobi. “Mi dicono che sono iconico e una leggenda. – ha tenuto a precisare il ragazzo dal suo letto d’ospedale – Hanno detto che sono il loro capo. Stanno postando alcuni commenti da pazzi, non ho mai provato nulla di simile prima”.