CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
martedì, 17 luglio 2018

Formia in lutto   PER LA TRAGICA SCOMPARSA DI SERENA, UN ANGELO VOLATO IMPROVVISAMENTE IN CIELO UN GIORNO DI LUGLIO

•TUTTA LA COMUNITA’ PREGA PER LA PICCOLA DALIA, LA FIGLIOLETTA COINVOLTA NELL’ INCIDENTE

• IL SINDACO VILLA: “E’ IL MOMENTO DI UNIRSI NEL RISPETTO E NEL SILENZIO. UN ABBRACCIO DA TUTTA LA NOSTRA CITTA’”

Una di quelle notizie che nessuno avrebbe voluto apprendere. In un tragico, fatale incidente mercoledì 11 luglio lungo la superstrada Cassino-Atina  ha perso la vita Serena Pezzella, giovane e bella donna residente a Formia, operatrice pedagogista. L’ auto su cui viaggiava la stessa donna, assieme alla  sua secondogenita di tre anni si è schiantata, con un Tir.

Schianto contro un tir

Secondo una prima ricostruzione e per cause ancora da stabilire, una Lancia Y nera si è schiantata contro un tir. A bordo della vettura, che è finita contro il guardrail, si trovavano la donna e la figlia di appena tre anni. La giovane mamma, residente a Formia (Latina) ma originaria di Pontecorvo, è deceduta subito e inutili si sono rivelati per lei tutti i tentativi di soccorso. La bambina, ferita ed estratta dalle lamiere dai vigili del fuoco, è stata invece portata in serie condizioni all’ospedale Santa Scolastica. La piccola è stata trasferita al «Bambin Gesù» di Roma.

 

Molto gravi le condizioni della piccola Dalia, figlia di un noto parrucchiere di Cassino, che è stata trasferita a Roma al Bambin Gesù in elicottero. Oltre a quest’ultima, Serena, responsabile di una casa famiglia a Pontecorvo,  originaria di ques’ ultima cittadina ma  molto conosciuta ed apprezzata a Formia come la sorella Anastasia, aveva anche un bambino di dodici anni. Il fatto ha suscitato enorme cordoglio a Formia unitamente ad un profondo dolore. Contemporaneamente si prega per le sorti della piccola Dalia. In molti hanno voluto manifestare il grande dispiacere anche attraverso pensieri e ricordi della sfortunata Serena. Davvero una pagina triste per Formia, che testimonia la vicinanza alla famiglia anche attraverso il sindaco. “Unirsi, come comunità, come cittadini tutti uguali, tutti uniti, ora è solo il momento di unirsi nel rispetto e nel silenzio – ha detto Paola Villa…Un abbraccio a Serena e a Dalia, da tutta la nostra città.”