2 agosto 18:28  |  Cronaca

PALERMO, 2 AGO – “Persone che lavorano all’interno della Iuventa avrebbero trasbordato, per due volte, sulla nave migranti scortati da trafficanti libici non in situazioni di pericolo”. Lo ha detto il procuratore facente funzioni di Trapani Ambrogio Cartosio che ha chiesto e ottenuto il sequestro della imbarcazione. “Il sequestro preventivo – ha aggiunto – è stato disposto per impedire la reiterazione del reato”. “Il fatto che la Ong non abbia firmato il protocollo – ha spiegato il magistrato – non c’entra nulla con l’operazione odierna”. “Abbiamo documentato incontri in mare ma siamo portati ad escludere collegamenti tra Ong e libici”, ha concluso Cartosio che ha anche escluso categoricamente che qualcuno “abbia agito per scopi di lucro”.

2017-08-02_1021549898