CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
lunedì, 19 novembre 2018

LA DIETA DI BARBARA D’URSO:”A 60 ANNI MI MANTENGO IN FORMA COSÌ…”

La conduttrice di Mediaset è molto attenta alla linea, fa attività fisica, segue un’alimentazione sana e coltiva frutta e verdura nel proprio orto. Non ha mai nascosto di essere estremamente attenta al proprio aspetto estetico e darà questo il motivo che l’ha spinta a scegliere di fare la dieta mima-digiuno. Questa mattina la reginetta di Canale Cinque ha pubblicato uan storia su Instagram in cui mostra i profotti dell’orto e poi rivela di seguire questa dieta della longevità mostrando i prodotti. Mostr ail copione della Dottoressa Giò, a cui lavorerà questa estate, e rivela: “Sono arrivata al quinto giorno, quinto e ultimo, ma io sono un mostro, sto una favola“.

LA DIETA MIMA DIGIUNO

La dieta mima digiuno permette di ottenere effetti attraverso alcune semplici regole: tanta verdura, poche proteine, zuccheri semplici assenti. Lo schema calorico prevede che il primo giorno si assumano circa 1000 kilocalorie, divise tra 34% di carboidrati, 56% di grassi e 10% di proteine. Nei 4 giorni successivi si scende a 750 kilocalorie, divise tra 47% di carboidrati, 44% di grassi e 9% di proteine. Un esempio super semplificato del regime da mantenere nei 4 giorni a 750 kilocalorie potrebbe essere: 350 gr di zucca, 300 gr di cappuccio rosso, 300 gr di carota, 250 gr di cipolla, 20gr di olio extra vergine d’oliva e 20 gr di noci. Per gli altri giorni invece, onde favorire il rallentamento del processo di invecchiamento, bisogna nutrirsi di tanta verdura, frutta, cereali integrali, limitare gli zuccheri e scegliere le proteine provenienti dai legumi quindi limitare il consumo di carne, scegliere al massimo il pesce e dunque seguire uno stile alimentare più vegetariano possibile.

Le regole per vivere meglio e a lungo non cono complesse: alimentazione più accurata, attività fisica, assunzione del cibo nelle prime ore della giornata. Piccoli accorgimenti che sono fondamentali e che non vengono così divulgati per il danno economico che comportano queste “verità”.