13 settembre 10:27  |  Economia

BRUXELLES, 13 SET – Secondo il diritto Ue, qualora non sia accertato che un prodotto geneticamente modificato possa comportare un grave rischio per la salute umana, degli animali o per l’ambiente, né la Commissione né gli Stati membri hanno la facoltà di adottare misure di emergenza quali il divieto della coltivazione, come fatto dall’Italia nel 2013. E’ quanto indicato dalla Corte di giustizia europea in una sentenza emessa oggi.

2017-09-13_1131682277