1 febbraio 16:57  |  Cronaca

Manuel, il 17enne di Ferrara arrestato per aver ucciso il 10 gennaio i coniugi Salvatore e Nunzia Vincelli, insieme al figlio della coppia, sarebbe stato rovinato dai videogiochi. È quanto dichiarato dai suoi genitori in una intervista al settimanale OGGI (in edicola da domani): “Non voglio trovare scusanti per quello che ha fatto – dice il padre del diciassettenne – ma se penso a quello che davvero può avergli fatto male, dico che è stata questa robaccia”.

“Non riusciva a staccarsi. Era dentro il gioco e non riusciva più a venirne fuori. I pomeriggi interi. Le notti. Ho sbagliato a lasciarlo fare, dovevo buttargli via tutto”, aggiunge il padre. “Di notte lo sentivamo urlare – racconta la madre -. Si collegava con altre persone, giocava con loro, discutevano per battere gli avversari. Mi alzavo gli chiedevo di smettere. Ma non ascoltava, era nel suo mondo”

[post-correlato]