CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
sabato, 26 maggio 2018

MACERATA, 15 FEB – “E’ destituita di ogni fondamento la notizia relativa all’assenza di significative parti del corpo di Pamela Mastropietro, che sono state nella stragrande maggioranza recuperate e ricomposte in occasione degli accertamenti medico-legali eseguiti dal prof. Mariano Cingolani”. Lo precisa il procuratore di Macerata Giovanni Giorgio. Al momento – aggiunge – sono “da escludere assolutamente” l’ipotesi di “antropofagia” e di “riti voodoo connessi al decesso”. La 18enne romana, “a dire del consulente medico-legale prof. Cingolani – continua il procuratore – รจ stata ragionevolmente uccisa a seguito di azione criminale dolosa”. E “non risultano, al momento, interferenze di organizzazioni criminali extracomunitarie nella vicenda criminosa”. Le indagini sulla morte di Pamela intanto vanno avanti, in attesa dell’esito degli accertamenti tecnici sui telefoni e quelli scientifici del Ris previsti per la prossima settimana”. Accertamenti anche sul telefono cellulare della compagna italiana di Innocent Oseghale.

2018-02-15_1151707660