CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
domenica, 23 settembre 2018

A causa della siccità che ha colpito i principali Paesi produttori di grano, a settembre potrebbe arrivare una stangata su pane e pasta. A lanciare l’allarme è il Codacons, secondo cui “un rialzo dei listini del 5% determinerebbe una maggiore spesa pari a 45,6 euro annui a famiglia. Una maxi-stangata da complessivi 2,7 miliardi di euro annui”. Che si aggiungerà al solito esborso per le spese scolastiche, con incrementi dello 0,8% rispetto al 2017.

La spiegazione

Carlo Rienzi, presidente del Codacons, spiega che “il grano è alla base della nostra dieta: in Italia una famiglia media spende circa 76 euro al mese per pane e cereali, e il giro d’affari legato al solo pane raggiunge nel nostro Paese gli 8 miliardi di euro annui. Gli italiani consumano ogni anno in media 24 kg pro-capite di pasta e circa 60 kg di pane, focacce e pizze”. Facile quindi intuire che le riduzioni delle scorte di grano potrebbero avere ripercussioni anche sui prezzi della materia prima e, a cascata, su quello dei prodotti al dettaglio.

fonte: Tgcom