CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
giovedì, 16 agosto 2018

Sale la tensione a Pescara tra tifosi e società per il disastroso andamento in campionato della squadra di Oddo. Incendiate nella notte le due auto, una Jeep Suv e una Smart, del presidente del Pescara calcio, Daniele Sebastiani. È accaduto alle 3.30 nel parcheggio dell’abitazione del presidente. Le due auto erano parcheggiate infatti all’interno del cortile dell’abitazione del patron biancazzurro. Gli agenti della Digos, stanno ricostruendo, anche grazie alle telecamere interne presenti nello stabile, l’accaduto.[post-correlato] Chi ha agito potrebbe infatti aver lanciato dall’esterno qualcosa che avrebbe poi fatto divampare le fiamme, o essere entrato all’ interno del recinto per cospargere di liquido infiammabile le due vetture. Il presidente del Pescara si è poi recato in questura per formalizzare la denuncia contro ignoti. I danni ammontano ad alcune decine di migliaia di euro. Non ci sarebbero dubbi sull’azione dolosa di ignoti. Nei pressi dello stadio Adriatico negli ultimi giorni erano apparse scritte offensive verso il dirigente biancazzurro. L’episodio ribadisce ormai la frattura tra Sebastiani e le frange più violente del tifo biancazzurro, evidenziatasi domenica scorsa dopo la sconfitta subita all’Adriatico dalla squadra di Massimo Oddo, messa ko per 6-2 dalla Lazio. Sebastiani avrebbe deciso di lasciare la presidenza della società a fine anno, così come paventato già dopo la «batosta» di domenica che ha praticamente certificato il ritorno tra i cadetti del Pescara, ultimo in classifica.
Il gesto ha provocato l’indignazione del presidente Sebastiani, che ha ribadito la volontà di lasciare a fine stagione. (Corriere della Sera)