CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
domenica, 23 settembre 2018

Ross Brawn, ex direttore tecnico della Ferrari e grande amico dell’ex campione del mondo Michael Schumacher, in una intervista rilasciata all’emittente britannica Bbc ha usato parole cariche di speranza: “Ci sono segnali incoraggianti e preghiamo ogni giorno affinché ce ne possano essere degli altri”.

In seguito all’incidente del 2013, e dopo aver trascorso diversi mesi in coma, il sette volte campione del mondo di Formula 1, 47 anni, è stato trasferito nella sua casa in Svizzera, dove sta continuando un lento processo di recupero.

Nell’intervista Brawn spiega che “la famiglia ha deciso di mantenere la privacy sulla convalescenza di Michael devo rispettare questa decisione. Tutto quello che posso dire è che sulle sue condizioni di salute si fanno un sacco di speculazioni, la maggior parte sbagliate”.

L’intervento dell’ex direttore tecnico della Ferrari non è casuale: a settembre la famiglia del campione tedesco aveva deciso di querelare la rivista tedesca ‘Bunte’, su cui era stato pubblicato un articolo nel quale si sosteneva che l’ex pilota era tornato a camminare.

[post-correlato]