ROMA, 10 AGO – Una crescita nel 2017 all’1,3-1,4% “è plausibile”. Lo ha detto il viceministro dell’Economia, Enrico Morando. Ricordando che i numeri saranno certificati a settembre con la nota di aggiornamento al Def il viceministro ha puntualizzato però che “il prodotto interno sta crescendo più di quanto previsto in primavera”. Parlando della legge di bilancio Morando ha poi spiegato che si procederà al taglio del cuneo per i giovani, misura che dovrebbe essere ‘portabile’, cioè legata a chi ne usufruisce. “Si può fare un intervento strutturale con un taglio del 50% (dei contributi) per i primi 2-3 anni dopo una riduzione strutturale in capo al lavoratore di 3-4,5 punti con piena portabilità in capo al lavoratore. Non è un intervento a favore delle imprese ma un vantaggio per il lavoratore giovane”. Infine le pensioni: “Se si blocca il processo di adeguamento” dell’età della pensione all’aspettativa di vita “le pensioni si riducono. Col calcolo contributivo se si va in pensione prima si riceve una pensione minore”.

2017-08-10_1101681250