CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
lunedì, 23 luglio 2018

Le condizioni meteo sono peggiorate a macchia di leopardo in Italia, se in alcune aree località oggi sarà una giornata balneare, in altre farà fresco come ad esempio succede in gran parte del Nord Italia che è sotto la pioggia e i temporali. Da queste parti le condizioni meteo saranno da inizio autunno, perlomeno in una parte della giornata.

Nelle Alpi centro orientali e attesa la neve fin sotto i 2000 metri di quota, altezza non eccezionale, ma tuttavia insolita se si considera che usciamo da un lunghissimo periodo di caldo eccessivo. Peraltro in alcune aree potrebbe cadere tanta neve più di quella caduta lo scorso inverno.
Stiamo vivendo quelli che sono definiti eccessi climatici, dopo un’estate caldissima, questo inizio di autunno è estremamente variabile, ma allo stesso tempo presenta fenomeni atmosferici che in alcune aree sono simili a quelli che si vedono nelle aree tropicali, con temporali che in ristrette aree rilasciano ingenti quantità di pioggia, anche causando alluvioni lampo come è avvenuto in Toscana, mentre in zone attigue non è piovuto affatto. Nel frattempo prosegue la siccità, e da molte regioni giungono notizie di incendi in atto, di ristrettezze idriche.

Comunque, anche se ad ogni inizio autunno succede che fenomeni abbiano somiglianza con quelli che succedono ai Tropici, a quest’anno questa appare maggiore, forse perché abbiamo avuto un’estate molto calda.

Ma torniamo ad oggi: come si diceva la giornata sarà piuttosto instabile, un po’ ovunque ci sarà la possibilità di isolati temporali o acquazzoni, ma con i fenomeni che assumeranno una maggiore rilevanza nelle Venezi e sulla Lombardia orientale, con la possibilità di nubifragi sempre a carattere isolato. Ma non solo sulle Alpi centro orientali come abbiamo detto cadrà la neve.

I temporali potrebbero interessare anche alla Campania, con violenti acquazzoni, mentre dal versante tirrenico ed in Sardegna, tenderà a intensificarsi il vento di Maestrale che trasporterà la massa d’aria fresca proveniente dall’Oceano Atlantico. Questa spazzerà via il caldo africano laddove ancora presente.