domenica, 23 aprile 2017
lavare-pollo--640x333

Non lavare mai il pollo crudo. Ecco cosa rischi se lo sciacqui prima della cottura

A volte in cucina si commettono degli errori senza nemmeno saperlo. Ecco ad esempio cosa si rischia a lavare il pollo sotto acqua corrente prima di cuocerlo. D’ora in poi non lo farete mai più.

Il pollo è un ingrediente presente nelle case di tutti noi. Si tratta, infatti, di una carne che viene amata sia dai grandi ma anche dai più piccoli. Inoltre le stesse caratteristiche di questo alimento rendono il suo utilizzo perfetto anche per la preparazione di ricette ipocaloriche per chi sta a dieta o per chi fa attenzione alle calorie che ingerisce durante l’arco della giornata.

Si tratta, quindi, di un alimento molto comune e che siamo soliti preparare spesso. Bisogna, però, sapere che la carne di pollo presenta diversi batteri che possono essere nocivi ed in alcuni casi persino mortali.

Tra questi c’è il batterio del tetano, il Clostridium, il campylobacter ed anche la salmonella. Proprio per questo motivo il pollo va sempre consumato ben cotto per poter eliminare tutti i germi.

C’è, però, un aspetto che probabilmente non tutti conoscono. Spesso volentieri, infatti, puliamo il pollo sotto acqua corrente prima di procedere alla sua preparazione ed alla sua cottura. Non tutti sanno, però, che questa abitudine è estremamente nociva.

Il lavaggio non uccide nessuno dei batteri e l’unico modo per farlo, infatti, è cuocere perfettamente il pollo prima di servirlo, avendo cura che anche la parte più interna del nostro pollo si sia cotto perfettamente.

La Food Standards Agency, l’ente governativo non ministeriale britannico deputato al controllo della salute pubblica in merito agli alimenti (come l’EFSA, ma esclusivamente per la Gran Bretagna) contro la diffusione del Campylobacter.

«Non esiste alcun motivo per lavare il pollo – commenta Antonia Ricci, Direttore del Dipartimento di Sicurezza Alimentare (IZSVe) – perché  il lavaggio non elimina  i batteri patogeni, ma aumenta la possibilità di contaminazione crociata». La cattiva abitudine del lavaggio riguarda anche le uova che alcune persone lavano pensando di eliminare la salmonella.

Il problema del lavaggio del pollo sotto l’acqua corrente riguarda soprattutto le contaminazioni crociate (cross contamination). Sono quelle causate dalle gocce e dagli spruzzi che possono contaminare il piano di lavoro, gli utensili, le mani, l’abbigliamento e altri cibi. «La contaminazione crociata può avvenire comunque, toccando il pollo per prepararlo e poi subito dopo afferrando qualche utensile o altri alimenti. Lo spiega d.ssa Ricci – l’acqua diventa un veicolo che rende più facile e probabile la diffusione del patogeno. Basti pensare che possiamo sporcare il lavandino dove poi puliamo l’insalata. Alla fine il pollo viene cotto in forno. Il Campylobacter muore, ma l’insalata si consuma cruda e può esserci qualche problema». È quindi meglio mettere subito il pollo in forno senza lavarlo. Avere l’accortezza di lavare le mani con acqua calda e sapone, insieme a tutti gli attrezzi e ai piani di lavoro utilizzati  per la preparazione.