venerdì, 24 marzo 2017
roma

Non mangiatene MAI più per nessun motivo. Ritirato dai supermercati: ecco cosa è stato scoperto

Dovremmo fare più attenzione a ciò che mettiamo sulla nostra tavola. Ultimamente, parecchi supermercati hanno detto no al foie gras. Questa volte a prendere le distanze, è Esselunga. Dopo Conad, Pam e Eataly anche Esselunga non vuole più tra i suoi scaffali il foie gras che è stato ritirato da ben 150 supermercati e ipermercati presenti in Italia.

Secondo alcuni, questa scelta, è stata in parte influenzata dalla campagna #ViaDagliScaffali di Essere Animali, associazione animalista che da anni promuove campagne volte al veganismo e si batte con forza per la difesa degli animali. Ma che cos’è esattamente il foie gras? È il fegato d’oca, prodotto ricavato alimentando le oche con più cibo del necessario. Facendole ingrassare rapidamente per fare ingrossarle il fegato e renderlo 10 volte più grosso.

Già in passato, sul web, ha cominciato a circolare un’inchiesta di Animal Equality. Fabrizia Angelini, attivista di questa organizzazione, riteneva disumano lo sfruttamento di queste povere oche. Questi animali, infatti, in genere vivono anche per 15 anni, ma quando sono finalizzate al consumo alimentare, finiscono per essere ammazzate a soli 4 mesi.

Il fegato troppo grosso, crea loro problemi respiratori e gravi problemi. È davvero assurdo che le oche siano portate ad ingrassare così velocemente e a morire in età così prematura solo per soddisfare le richieste del mercato gastronomico.

È chiaro che non vi invitamo a non mangiare il faie gras, ma adesso che sapete come viene ricavato, dovreste iniziare a pensare se vale la pena uccidere le oche in questo modo solo per un capriccio del gusto.