Archivio

il  11 marzo 19:54

Parla il papà del ragazzo suicida a quindici anni: “Non gli mancava niente”

Impiccato a 15 anni, parla Lino Sottana, padre di Daniele, nasconde le lacrime dietro gli occhiali da sole mentre cerca di capire i motivi che hanno indotto il figlio a farla finita. L’uomo ha parlato davanti all’ingresso di casa, in via Bordugo 18 a Trebaseleghe – “Era difficile comunicare, non siamo riusciti a capire la malattia che aveva dentro” Il padre racconta che il ragazzo non aveva problemi di nessun tipo: “Non riusciamo a capire il motivo”  Era un ragazzo sereni, giocava a calcio nel ruolo di portiere nella squadra dei giovanissimi. Forse un cattivo rendimento scolastico alla base del tragico gesto. Lo zaino, il diario e il cellulare sono sottoposti al vaglio degli inquirenti per capire cosa ha spinto il ragazzo a questo gesto. Un litigio forse sui compiti:”Mai avrei immaginato di vivere questo