Tradimenti, bugie e omissioni si scoprono sempre più, rovistando nella memoria dei cellulari. Per i traditori, seriali o occasionali, la vita è quindi sempre più difficile.

Ecco come non farsi beccare:
– la password è un po’ un’arma a doppio taglio. Può far apparire colpevole perché dà la sensazione di dover nascondere qualcosa
– registrare il nome dell’altro/a con il nome di un vostro amico/a che vi tiene il gioco
– avere un secondo telefono, di cui solo voi conoscete l’esistenza, è un’idea. Vi costerà un po’, ma potrebbe essere utile
– il cellulare tiene in memoria la cronologia delle vostre telefonate. Se proprio non potete fare a meno di ‘consegnarlo’ a chi vi controlla, cancellatele
– il motore di ricerca Google memorizza le vostre ultime ricerche. Se avete cercato un regalo per l’amante o altro, meglio ricordarsi di cancellarle.
– Gps, disattivate la vostra posizione se andate in posti dove in teoria non dovreste essere e, soprattutto, non condividetela per nessun motivo
– anche le fotografie scattate mantengono la posizione e, se su richiesta, inviate uno scatto di qualche giorno prima sappiate che la data si vede
– se avete un partner dubbioso e che ha accesso al vostro smartphone occhio a conservare foto anche innocue, scattate mentre eravate con l’altro. Se volesse verificare dove sono state realmente scattate le basterebbe condividerla su Facebook a meno che non siete stati talmente accorti da disattivare la localizzazione della fotocamera che è impostata in automatico
– mai sincronizzare WhatsApp sul vostro computer
– occhio alla nuvoletta, il cloud può fare dei veri pasticci come far apparire foto e mail su tutti i dispositivi di casa
– WhatsApp metterà in evidenza i contatti con cui chattate più spesso, sarebbe bene quindi usare un altro sistema di messaggistica alternativi come Viber o Telegram
– succede lo stesso con Messenger di Facebook al punto tale che, anche se cancellate le vostre conversazioni, il contatto con cui chattate apparirà per primo tra gli altri e a maggior ragione vi chiederanno: “Perché è in evidenza se non ci sono conversazioni?”
– cestinare le conversazioni su WhatsApp potrebbe rivelarsi un’illusione. Assicuratevi sempre di aver buttato tutto definitivamente perché, se si va nel cestino, si ritrovano
– se lei o lui usano scrivervi su WhatsApp, quando siete con il partner ufficiale, ricordatevi di mettere la chat in modalità silenzioso
– togliere le notifiche sullo schermo
– se avete foto da nascondere, ricordatevi che esistono delle App anonime con la password per evitare che qualcuno possa trovarle in galleria
– se vi regala un cellulare fatelo controllare da qualche amico ‘smart’ capace di intercettare eventuali sistemi spia
– se proprio non potete far a meno di tradire forse è meglio usare i vecchi metodi. Motel, bigliettini romantici e telefonate dal fisso. Sembrerete fuori moda ma la relazione durerà più a lungo. CONTINUA