ROMA, 19 APR – “Essendo il testo corrispondente al quesito referendario ci immaginiamo che la Corte di Cassazione applichi le norme che prevedono la possibilità di non svolgere il voto qualora l’intervento legislativo corrisponda ai quesiti proposti” dalla Cgil. Così ha risposto il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, dal presidio in piazza del Pantheon dopo l’ok alla legge su voucher e appalti. “Ovviamente – ha aggiunto – l’ultima parola spetta alla Corte di Cassazione”.

2017-04-19_1191616900