domenica, 23 aprile 2017
bilancia-dieta

SI DIMAGRISCE IN 12 GIORNI. ECCO LA DIETA PIÙ DIFFUSA DEL MOMENTO

Dimagrire in 12 giorni si può, arriva la dieta del riso.

Tra le diete più diffuse al momento, si tratta di un regime alimentare che si basa su un cereale molto semplice ma con tante proprietà benefiche per il nostro organismo. Usato da millenni dalle popolazioni asiatiche, il riso da tempo è protagonista anche sulle nostre tavole. Integrale, bianco, rosso o nero, è ricco di fibre, aiuta la diuresi perché contiene poco sodio, è drenante, disintossicante e snellente. È un alimento che dona subito un senso di sazietà ma contiene al tempo stesso poche calorie rispetto ad altri cereali.

Le fasi della dieta del riso

La dieta del riso dura 12 giorni. Non di più perché si basa su un regime alimentare molto severo, che prevede due fasi: la prima dura 3 giorni e ha una funzione purificante. Bisogna mangiare riso, insieme a frutta e verdura, a colazione, pranzo e cena. Meglio se il riso è integrale, da alternare con altri cereali come orzo, miglio o con la quinoa, che non è un cereale ma gli assomiglia molto. La seconda fase è più lunga, dura nove giorni e al riso si devono affiancare carne o pesce, senza dimenticare ancora la frutta e la verdura. Il tutto, rigorosamente, con pochi condimenti.

Per chi è indicata la dieta del riso

La dieta del riso è adatta a chi deve perdere poco peso e rappresenta la fase d’urto a cui si deve far seguire un’alimentazione più varia ed equilibrata. Inoltre, può essere una valida soluzione per le persone celiache che vogliono intraprendere una dieta perché il riso è povero di tossine e di glutine.

Dieta del riso: sì o no?

Come ogni dieta, anche questa, ha i suoi sostenitori e i suoi detrattori. Per i favorevoli si tratta di una dieta detox che permette, al di là della perdita di peso, di purificare il corpo quando si sente l’esigenza di rigenerarsi. Altro elemento da non sottovalutare, la dieta del riso è ipolipidica, cioè a basso contenuto di grassi. I contrari, invece, sostengono sia una dieta troppo rigida che ha il rischio di far perdere la massa magra ma non quella grassa. Secondo questi ultimi, avrebbe inoltre uno scarso equilibrio nutrizionale e sarebbe poco varia, fattore che può provocare un senso di stanchezza e mancanza di concentrazione.
Tutte ragioni per cui è sempre meglio fare riferimento a un dietologo o nutrizionista prima di intraprendere una dieta per un medio, lungo periodo.