19 giugno 12:01  |  Cronaca

“La Farnesina ed il Consolato a Londra ci hanno comunicato che gli addetti non hanno ancora raggiunto il ventitreesimo piano per un questione di sicurezza. Quindi ufficialmente i corpi non sono ancora stati trovati e per questo non sappiamo nemmeno quando rientreranno in Italia”.  A comunicarlo è Gianni Gottardi, il papà del giovane architetto di San Stino di Livenza. Scotland Yard ha avvisato che molte vittime del rogo — almeno 76 le persone contate come «disperse» tra cui 30 decessi accertati — morte asfissiate e poi carbonizzate dalle fiamme, potrebbero restare «non identificabili». Corpi irriconoscibili, che non potranno nemmeno avere una degna sepoltura. Si spera per il ritrovamento ed il recupero delle salme della giovane coppia. CONTINUA A LEGGERE