CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
lunedì, 24 settembre 2018

“Vado a dormire”, l’ultimo saluto prima di morire. Aveva solo 18 anni.

Un dramma. La storia di Enrico. Aveva appena preparato la colazione, poi si era diretta in camera del figlio per svegliarlo. Ma Enrico Bosio, 18 anni, non si è mai più alzato dal suo letto. E’ stato trovato senza vita dalla mamma lunedì mattina, verso le 8. Enrico era studente di Ragioneria del Falcone e giocava a Basket, nel Lions del Chiese. Forse a stroncarlo un infarto cardiocircolatorio, che non gli ha lasciato scampo. La sera precedente l’aveva trascorsa in compagnia della madre a casa, dopo aver passato il pomeriggio in piscina con gli amici. Sembrava tranquillo e rilassato, nulla lasciava presagire quello che gli sarebbe accaduto. Nessun sintomo o malessere accusato durante la giornata.

La vicenda

Quella mattina la mamma lo aveva chiamato più volte, inizialmente credeva si trattasse di uno scherzo. Prima o poi Enrico si sarebbe alzato e avrebbe fatto colazione con lei. Così lo ha raggiunto in camera, ha continuato invano a chiamarlo. Poi ha capito che al suo Enrico fosse successo qualcosa di brutto: si è avvicinata, ha tastato il suo corpo. Era freddo e il suo cuore non batteva più. Disperata, la donna ha allertato i familiari e il 118. I sanitari, giunti immediatamente, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del ragazzo. In queste ore è stata disposta l’autopsia sul corpo del giovane, per chiarire le cause che hanno provocato la morte di Enrico.