CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
domenica, 23 settembre 2018

Spiare Whatsapp sembra essere diventata la nuova moda dell’anno. Poco importa se lo facciamo per semplice curiosità o per reale bisogno quel che è certo è che faremmo di tutto per portare a termine le nostre indagini.

In aiuto dei nuovi detective digitali accorre una nuova applicazione che promette di trasformarvi nei nuovi “ispettori gadget” di questo 2018. Vediamo il metodo funzionante per spiare le chat e quali rischi comporta l’uso di questi prodotti.

 

Chat Whatsapp: come spiare un contatto

Le ultime novità dell’aggiornamento hanno mandato in delirio tutti gli utenti. Ad oggi non esiste però una funzione integrata che consenta di risalire alle conversazioni dei partner e degli amici. Almeno non ufficialmente.

Per sopperire a questa mancanza in rete si sono moltiplicate le applicazioni esterne che permettono di tenere sotto controllo fidanzati, coniugi ed amici troppo appiccicosi. Una delle ultime proposte è chiamata WhatsDog, un vero e proprio cane da guardia delle chat Whatsapp.

Questa applicazione promette di spiare le conversazioni di chiunque sia inserito nella nostra rubrica. Ma è solo l’ultima delle tante proposte che troviamo sullo store e che Google rimuove prontamente. Il motivo è chiaro: si tratta di app che espongono a rischi piuttosto importanti che si ripercuotono su noi stessi e sui contatti personali.

 

Leggi anche:  WhatsApp: improvvisamente chiusi tantissimi account, il motivo ora spaventa davvero

Spiare Whatsapp con WhatsDog

Spiare le conversazioni su Whatsapp è illegale altrimenti sarebbe lo stesso sviluppatore a permettere l’uso di tool ad hoc. Detto questo passiamo ad esaminare la questione WhatsDog.

Si tratta di una comune applicazione Android che è stata rimossa dallo store ma che possiamo ancora trovare sui market esterni. In apparenza è innocua per il semplice fatto che la sua azione si limita a concedere l’orario dell’ultimo accesso dell’utente target. Possiamo farlo anche con l’app ufficiale ma dobbiamo per forza concedere il permesso di visualizzare anche il nostro ultimo accesso.

Con WhatsDog possiamo mantenere un certo anonimato spiando l’ultimo collegamento dei contatti senza altre funzioni. Un po misera come soluzione di spionaggio. Ma non è tutto. Usare quest’app comporta seri rischi per la privacy. Tutti i nostri dati e quelli degli utenti vengono rubati fino a risalire ai conti in banca online.

I rischi, neanche a dirsi, sono notevoli. Senza contare il fatto che il nostro contatto potrebbe accorgersi che lo stiamo spiando prendendo provvedimenti legali per i quali non vale la pena rischiare. Il nostro consiglio è quello di diffidare da queste applicazioni ed affidarsi invece al prodotto ufficiale unito ad una buona dose di sana fiducia.

 

I metodi per spiare WhatsApp sono stati a lungo sdoganati nel corso del tempo. Praticamente, a meno che non si sia un hacker di livello internazionale, entrare in possesso di una conversazione via server è praticamente impossibile. Colpa o merito – dipende dai punti di vista – della innovativa crittografia end-to-end.

Spiare WhatsApp tramite gli iPhone

Se l’osservazione in remoto non è una via percorribile, resta solo la via device in mano.Anche qui, però, ci sono degli ostacoli. La gran parte degli utilizzatori di smartphone oggi giorno utilizza una password all’accesso in modo da prevenire eventuali fughe di informazioni.

Leggi anche:  Whatsapp: grave problema, backup Google Drive facilmente accessibili agli hacker

C’è un bug sugli iPhone, però, che rende questa mossa preventiva del tutto inutile. Attraverso il sistema iOS, interpellando Siri con la semplice frase “Leggi gli ultimi messaggi ricevuti su WhatsApp” è possibile avere accesso ad un dettato veloce ed efficace dei testi ricevuti sul dispositivo.

L’iPhone non chiede codice d’accesso, Touch ID o Face ID. Pertanto, tutti, compresi eventuali sconosciuti possono accedere alle informazioni della chat attraverso il sistema di intelligenza virtuale

tecnoandroid.it