Economia

“Berlusconi non è onorabile”: COSTRETTO A VENDERE. Ecco cosa perderà il Cavaliere

di  redazione  -  10 Ottobre 2014

berlusconi-triste

 

Fininvest dismetterà la quota eccedente il 9,9 per cento della controllata Mediolanum Spa. Lo ha comunicato la società spiegando che “a seguito della sopravvenuta perdita dei requisiti di onorabilità in capo al proprio controllante indiretto Silvio Berlusconi e nel contesto del procedimento relativo all’iscrizione di Mediolanum nell’albo dei gruppi bancari”, Banca d’Italia, d’intesa con l’Ivass, ha disposto la dismissione della partecipazione in Mediolanum eccedente il 9,9%, pari al 25%, che potrà anche avvenire mediante il conferimento in un trust ai fini della successiva alienazione a
terzi entro 30 mesi.

Il cda Fininvest valuterà come muoversi, e in conseguenza della sospensione dei diritti di voto per la quota di partecipazione eccedente il 9,9% del capitale sociale di Mediolanum dà atto del venir meno dell’efficacia del patto di sindacato d’intesa con Fin.Prog. Sapa di Ennio Doris. Il consiglio esaminerà il provvedimento delle autorità per “l’adozione delle conseguenti deliberazioni, anche tenuto conto delle caratteristiche e dell’entità della partecipazione e della rilevanza di Mediolanum per il mercato”.

Dopo la notizia Mediolanum ha aperto in forte calo. Il titolo quota a 5,06 euro a -1,94%.