Cronaca

Campane a festa per la sconfitta della Juventus. Il parroco: “Agito a mia insaputa. Non mi sarei mai permesso”

di  Stew Neer  -  5 Giugno 2017

“Un chiarimento in merito alle campane dell’altra sera: la bravata è frutto di un mio collaboratore, il quale ha agito a mia insaputa. Mai e poi mai mi sarei permesso un gesto simile, come mi pare sia successo in tutti questi anni che sono con voi. Mi scuso per il suo atteggiamento irresponsabile, e ne prendo assolutamente le distanze”.

Con questo post pubblicato sul proprio profilo facebook si è scusato don Riccardo Robella, noto per essere il cappellano del Torino nonchè parroco della santissima Trinità di Nichelino. Scuse resesi necessarie dopo che sabato scorso le campane della sua parrocchia hanno suonato a festa al triplice fischio finale di Juventus-Real Madrid. Finale di Champions League terminata con la sconfitta dei bianconeri.

Secondo quanto riferito dallo stesso don Riccardo Robella, sarebbe stato un suo collaboratore a compiere la goliardata. Ovviamente a sua insaputa. Certo è che in città sono tanti i fedeli che hanno udito l’insolito rintocco nel cuore della notte.

CONTINUA A LEGGERE