sabato, 29 aprile 2017
nutella

Allarme Nutella: sta per essere ritirata dai supermercati

I media internazionali come il Dailymail e l’Independent stanno lanciando una notizia che sconvolge tutti.

Potrebbe la Nutella causare CANCRO?

Secondo le testate giornalistiche il Dailymail e l’Independent, i produttori di Nutella sono stati colpiti da un rapporto che ha trovato uno dei suoi ingredienti cancerogeno.

La diffusione del cioccolato si basa su olio di palma per la sua consistenza morbida e di notevole lunga durata.

Un rapporto da parte dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha dichiarato che l’olio di palma è il più cancerogeno rispetto a qualsiasi altro olio, a seguito di richieste simili da parte dell’OMS.

Ora, dal momento che i profitti di Nutella hanno perso in un colpo il 3 per cento, sempre secondo il Dailymiail, il produttore Ferrero ha lanciato una campagna televisiva, insistendo che utilizzano olio di palma in un modo che non è pericoloso.

Lo spot insiste sostenendo che la Nutella non sarebbe la stessa senza olio di palma raffinato.

La testata giornalistica citata sostiene che la Ferrero Non menziona l’altro fattore interessante: dal momento che l’olio di palma è l’olio più economico sul mercato, un cambio di ingredienti costerebbe Ferrero un extra milioni di $ 8-22 un anno.

Nutella si basa su olio di palma per la sua consistenza morbida e shelf notevolmente lunga durata.  Ma è ora al centro di una controversia su rivendicazioni olio di palma raffinato potrebbe essere cancerogeni

PERCHE l’ olio di palma  raffinato potrebbe essere cancerogeno?

Il rapporto dettagliato dell’EFSA, pubblicata nel maggio 2016, ha detto che l’olio di palma è più pericoloso di altri oli vegetali, una volta affinato a temperature superiori ai 200 gradi Celsius.

Le alte temperature sono utilizzati per rimuovere il colore rosso naturale di olio di palma e neutralizzare il suo odore.

Questo processo, tuttavia, provoca contaminanti detti esteri di acidi grassi glicidil (o, GE)

Quando digerito, GE ha la tendenza a rompersi e rilasciare glicidolo, un composto ritenuto fortemente causa tumori.

Secondo un rapporto dal National Institutes of Health, l’esposizione orale di glicidi ha provocato tumori in molti siti di tessuti diversi in topi di laboratorio e nei ratti di laboratorio.

Tuttavia, Ferrero dice che usa un processo industriale che combina una temperatura di poco inferiore 200C ed estremamente bassa pressione per minimizzare contaminanti.

Il Dailimail riporta le affermazioni del esponsabile degli acquisti di Ferrero Vincenzo Tapella ‘Fare Nutella senza olio di palma produrrebbe un prodotto inferiore per il prodotto reale, sarebbe un passo indietro,’

Si presenta in uno spot televisivo in onda in Italia negli ultimi tre mesi, che ha attirato le critiche da parte dei politici.

‘L’olio di palma utilizzato da Ferrero è sicuro perché viene da frutta appena spremuto e viene lavorato a temperatura controllata,’ afferma Tapella  nella pubblicità TV, girata presso lo stabilimento della società nella città settentrionale di Alba ed è stato accompagnato da una serie di annunci sulle pagine dei giornali che portano lo stesso messaggio.

E ‘questo processo’ raffinazione ‘che i responsabili della Nutella si vantano così ferocemente nella sezione’ ingredienti ‘del loro sito web.

‘Olio di palma è utilizzato in Nutella per conferire al prodotto la sua consistenza cremosa, così come per aumentare il sapore dei suoi ingredienti, grazie alle sue proprietà che permettono di avere un odore neutro e gustoso dopo il processo di raffinazione,’ si  legge nel sito.

‘Inoltre, è l’ingrediente migliore per dare alla Nutella la morbidezza giusta, garantendo la sua speciale spalmabilità,’ continua.

La descrizione si spinge fino ad affermare l’olio di palma protegge i consumatori dai ‘grassi trans’: ‘Prima di tutto, evitando il processo di idrogenazione che produrrebbe grassi trans altrimenti sani.’

E conclude: ‘olio di palma  aiuta anche a mantenere il gusto unico di Nutella per tutta la sua durata, a causa della sua maggiore stabilità all’ossidazione rispetto ad altri oli vegetali.’

L’EFSA non ha il potere di stabilire regolamenti, anche se i funzionari emetteranno una guida verso la fine dell’anno.

Misure potrebbero includere norme per limitare il livello di GE (ingegneria genetica) nei prodotti alimentari, ma non ci sarà il divieto di utilizzo di olio di palma.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e la Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite contrassegnati lo stesso rischio potenziale che l’EFSA aveva avvertito di considerare GE, ma non ha raccomandato i consumatori smettere di mangiare olio di palma.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti, inoltre, non ha vietato l’uso di olio di palma nei prodotti alimentari.

Per ora, Ferrero sta prendendo la possibilità di fare appello direttamente ai consumatori.

La Nutella, uno dei marchi alimentari più noti in Italia e una popolareprima colazione per i bambini a livello globale, è una voce dominante nel settore alimentare.

I dirigenti Ferrero sperano di poter usare la loro notevole influenza per conquistare clienti.

Nel frattempo, i rivali sono opportunisticamente loro pubblicità come ‘olio di palma libero’ – forse stimolando l’ammaccatura delle vendite di Nutella.

Secondo quanto riportato dall’Independent, Diversi rivenditori in Italia, tra cui la grande catena di supermercati del paese, Coop, hanno boicottato la diffusione per precauzione.

Naturalmente ad oggi non vi sono evidenze scientifiche di conseguenze di malattie cancerose derivante dall’assunzione della Nutella

[post-correlato]